CHI SIAMO

CHI SIAMO

CHI SIAMO?

Punto Casa Immobiliare nasce dall’impegno ed esperienza della sua fondatrice Madia Roma, che da oltre vent’anni si occupa di case bellissime in località da sogno e valorizza le dimore private tipiche pugliesi, esprimendo un nuovo concetto di esclusività, charme e comfort, in cui convivono in un binomio perfetto, tradizione e contemporaneità, passato e presente, eleganza e funzionalità.

L’obiettivo di Punto Casa Immobiliare è quello di fornire un supporto concreto ed esclusivo a tutti gli acquirenti di queste straordinarie dimore, affinché possano vivere questa eccezionale esperienza.

Per chi ama il raffinato design, gli ambienti immersi nella natura, il richiamo della storicità, l’alta qualità delle ristrutturazioni (nei moderni materiali e tecniche che ben si adattano alle strutture originali), le location mozzafiato, le posizioni panoramiche sul mare, Punto Casa Immobiliare offre un’ampia selezione di proprietà che risponde perfettamente a questi parametri.

Attraverso queste dimore di pregio sia l’investitore che preferisce acquistare un’esclusiva casa privata sia il turista che predilige affittare una villa o una masseria, potranno trascorrere un soggiorno residenziale o una vacanza come esperienza unica, caratterizzata da un’atmosfera raffinata tipica dello stile pugliese.

PERCHè PUNTO CASA IMMOBILIARE

Oggi, Punto Casa Immobiliare di Roma Madia è protagonista nel mercato immobiliare Pugliese di ville, dimore storiche, antichi casali, masserie e trulli finemente ristrutturati, residenze di alto livello e appartamenti di charme.

Anni di esperienza ci hanno permesso di creare un network, non solo nazionale, tra clienti, professionisti e tecnici tale da garantire eccellenza, affidabilità e competenza.

Punto Casa Immobiliare offre un’ampia gamma di servizi che accompagna il cliente nella scelta dell’immobile adatto alle proprie esigenze ed alla sua valorizzazione.

DOVE CI TROVIAMO

OSTUNI

Posta su 3 colli Ostuni è chiamata “la Città Bianca” per il suo meraviglioso Centro Storico caratterizzato da case in pietra tinteggiate di bianco.
Situato nel cuore della Puglia tra dolci colline e l’azzurro del mare Adriatico, Ostuni, è una piccola città che ha una sua propria individualità, fascino, tradizioni e delizie culinarie.
Ostuni è una città imbiancata a calce appollaiata su 3 colli, da cui si può ammirare una distesa di ulivi e in lontananza e il mare Adriatico, che dista solo 6 km. Vale la pena visitarla anche per tutti i ristoranti tipici a buon prezzo. La zona offre una vacanza multi sfaccettata sia se avete bisogno di rilassarvi sulla spiaggia o su una terrazza assolata o di esplorare l’area piena di fascino storico e antiche chiese, giocare a golf, andare a cavallo o visitare una delle città limitrofe.

 

Sede Principale:

Via Nino Sansone, 58 – 72017 Ostuni (Br)

Punto Esposizione:

Piazza Della Libertà, 8 – 72017 Ostuni (Br)

LA CITTà BIANCA

OSTUNI

Ostuni è chiamata “la Città Bianca” per il suo meraviglioso Centro Storico caratterizzato da case in pietra tinteggiate di bianco.

Situata nel cuore della Puglia tra dolci colline e l’azzurro mare Adriatico, Ostuni è una piccola città che ha una sua propria individualità, fascino, tradizioni e delizie culinarie.

Ostuni è una città imbiancata a calce, appollaiata su 3 colli, da cui si può ammirare una distesa di ulivi e in lontananza il mare Adriatico, che dista solo 6 km.

La zona offre una vacanza multisfaccettata sia se avete bisogno di rilassarvi sulla spiaggia o su una terrazza assolata, di esplorare l’area piena di fascino storico e di antiche chiese, di apprezzare la cucina locale in ristorantini tipici, giocare a golf (il campo da golf del Relais San Domenico dista solo 20 minuti), andare a cavallo o visitare una delle città limitrofe.

Qui è il cuore della Puglia dove poter trovare pub, piccoli negozietti, discoteche sulla spiaggia, escursioni giornaliere che permettono di scoprire resti archeologici, castelli, cattedrali, trulli e masserie, oasi naturali, caverne marine, zoosafari, un susseguirsi di sabbiose spiagge, insenature naturali e scogliere e una distesa di uliveti.

In una terra in cui la gastronomia, tra le più rinomate in Italia, si arricchisce di sapori e colori genuini, in cui le colline, tinteggiate dai colori della natura, si affacciano delicatamente sul mare Adriatico, il fascino dell’antichità è sempre più forte, come testimoniano le numerose ristrutturazioni. In un’atmosfera esclusiva, tra mare e colline, il fascino dell’antichità si arricchisce del confort di moderne tecnologie di ristrutturazione con estrema attenzione ai dettagli.

I trulli, patrimonio artistico e culturale, sono stati ampiamente rivalutati negli ultimi anni divenendo patrimonio culturale di notevole interesse architettonico. Questa è una delle ragioni per cui si cerca di conservare la loro struttura originaria con un adeguato restauro. Ciò che ne deriva sono delle splendide forme coniche in pietra naturale, immerse nel verde di uliveti secolari, che diventano delle prestigiose case vacanze, ma soprattutto una forma di investimento mirata a crescere negli anni.

L’architettura dei locali e degli immobili in genere, rispecchiando i canoni architettonici tipici della cultura pugliese, è molto diversa da quella che si può trovare nelle altre grandi città italiane.

L’elenco è senza fine, ma è soprattutto l’ospitalità delle persone locali che Vi fanno sentire benvenuti!

Ostuni, inoltre, è facilmente raggiungibile da ogni luogo, essendo posta tra due aeroporti pugliesi, quello di Bari e quello di Brindisi, rispettivamente a circa 70 e 40 km.

 

Quindi perché comprare qui?

Senza dubbio Ostuni è tra le città più belle e turistiche d’Italia e offre un mercato immobiliare molto interessante. La nostra Agenzia garantisce ai potenziali acquirenti una vasta scelta di opzioni per investire il loro denaro: dai trulli, le tradizionali costruzioni in pietra a forma conica, alle moderne ville, dalle masserie, agli appartamenti e alle caratteristiche case nel centro storico, sia da ristrutturare che finite. È possibile trovare un trullo da ristrutturare con dei terreni più o meno estesi o delle masserie che potrebbero diventare degli hotels o agriturismi a contatto con la natura o lussuose case di campagna. Per questi progetti noi mettiamo la nostra esperienza e conoscenza al vostro servizio, provvedendo ad assistervi nella
vostra ricerca, acquisto e gestione della proprietà dei vostri sogni.

ARTE E CULTURA

Per chi ama l’arte sarà piacevole dedicare qualche ora alla visita delle chiese di Ostuni. La Città dispone di un ricco patrimonio chiesastico, trattasi di opere volute dalla fede del popolo e dal mecenatismo di nobili famiglie, realizzate da maestranze locali, decorate ed abbellite da artisti, in molti casi, ignoti e che pure
hanno lasciato un segno tangibile del loro ingegno. Un’arte sorta in provincia, lontano dal clamore dei grandi circuiti artistici e che ha guardato ai modelli e agli stili dominanti, rielaborandoli in forme tali da raggiungere una propria identità espressiva. La pietra gentile di cui è ricco il territorio ha offerto la materia prima a generazioni di scalpellini fantasiosi quanto bravi per decorare e rendere più solenni i luoghi di culto

Affacciate solennemente alla piazza cittadina o strette tra i bianchi vicoli del borgo antico, addossate alle case con i campanili svettanti tra una miriade di comignoli, le chiese di Ostini non si presentano mai come monumenti isolati, ubicati in spazi a sé stanti, ma s’inseriscono armoniosamente nel tessuto urbano quasi a

ribadire la quotidianità del monumento religioso. Un itinerario attraverso le chiese di Ostini non offrirà certo gli spettacoli di grandiosa magniloquenza dei grandi centri d’arte, ma darà certamente l’occasione di conoscere gli aspetti di quella che ingiustamente è definita “arte minore”.

La Cattedrale – L’edificio sacro più importante di Ostini e uno dei più noti della Puglia per le sue singolarità costruttive. La sua costruzione risale alla seconda metà del sec. XV, durante l’episcopato del Vescovo Nicola Arpone. Di notevole pregio artistico la facciata, mirabile sintesi di elementi “romanici, gotici e veneziani”.
Divisa in tre corpi, presenta tre portali ogivali, contenenti nelle lunette laterali le sculture raffiguranti rispettivamente S. Giovanni e S. Biagio; nella lunetta del portale maggiore un bassorilievo che raffigura il Vescovo Nicola Arpone genuflesso ai piedi della Vergine in trono. I portali laterali sono sormontati da due rose, mentre sopra quello centrale spicca uno splendido rosone finemente cesellato. La pianta è basilicale a tre navate. L’interno ha subito nel corso dei secoli numerose modifiche.

S. Vito Martire – Attigua all’ex convento delle Tonacelle, oggi sede del Museo delle Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale. Costruita dal 1750 al 1754, dedicata a S. Vito, la Chiesa costituisce uno dei pochi esempi in Ostuni di architettura barocca. La facciata, terminante nella parte superiore con un finestrone e un fastigio dalle linee contrastanti, è scandita su due livelli da cornici orizzontali. Si erge con eleganza dalla piazzetta al di sopra del piano stradale con ricchezza di cornici, nicchie, stemmi, fregi. L’interno è ad una
sola navata e termina nella bellissima cupola al di sopra del presbiterio che all’esterno è rivestita di mattonelle di maiolica multicolori. Oggi, la chiesa delle Tonacelle, chiusa ormai al culto dei fedeli e destinata ad auditorium, conserva intatta la sua elegante bellezza.

S. Francesco – Sulla triangolare Piazza della Libertà, affiancata al Palazzo di Città di Ostuni, ex convento francescano, si erge la facciata della chiesa di S. Francesco d’Assisi, edificata nel 1780 nell’area di una chiesa più piccola del sec. XVI. La facciata attuale della chiesa risale al 1884, fu ideata all’arch. Gaetano Jurleo e
risulta da una fusione di elementi medievali, barocchi e neoclassici. La stessa successivamente fu arricchita da due sculture marmoree poste nelle nicchie laterali raffiguranti S. Francesco e il Lupo e S. Antonio di Padova e, nel 1985, da un’artistica porta di bronzo nei cui pannelli è celebrata la vita di S. Francesco. L’interno, ad una sola navata si presenta nelle sue forme settecentesche elegantemente scandito da colonne, cornici, lesene ed arricchito da sette altari. Da notare l’altare marmoreo policromo di scuola napoletana.

S. Giacomo in Compostella – Sorge in Via Bixio Continelli, una delle più suggestive del Rione Terra. La chiesetta fu edificata nel 1423, il “10 aprile, il nobile Pietro Cavallerio di Ostuni, fa il suo testamento

fondando la cappella di S. Jacopo in Compostella” L’interno è semplicemente armonioso. La facciata è decorata da una lunetta con fregi floreali quattrocenteschi. Nell’interno si notano due capitelli che si facevano parte dell’arco dell’abside.

La Chiesa dello Spirito Santo – In una rientranza della piazza cittadina, la chiesa dello Spirito Santo, tra le più antiche in Ostuni costruita nel 1637. Di particolare pregio artistico il portale rinascimentale nella cui lunetta, scolpita in rilievo su pietra locale, la Dormitio Mariae.

MARE

Là dove finisce la distesa degli ulivi ed il verde della mitica pianta si stempera in sfumature argentee, d’improvviso la natura si accende di un vivo cromatismo, i colori terragni cedono il posto a quelli marini. Una distesa di azzurro intenso con riflessi e trasparenze che hanno solo le acque pulite. Venti chilometri di costa si snodano pittorescamente, il mare, in un meraviglioso gioco di colori, s’insinua in cale ed anfratti, si distende in slarghi sabbiosi, si arrampica su lucide scogliere, lambisce la macchia mediterranea. Una costa
di antica vitalità, abitata fin dai tempi remoti e che reca ancora le tracce di lontane forme di vita: le grotte, dimora del contadino pugliese nei secoli andati: i ruderi di antichi insediamenti, le torri costiere, fortificazioni difensive dei tempi in cui la sicurezza costituiva il bisogno primario dell’uomo. Di quel passato
è rimasto ben poco, la costa ostunese rappresenta oggi uno dei poli del turismo balneare in Puglia. Villaggi, strutture ricettive di livello internazionale, campeggi, ville, villette, appartamenti offrono tipologie servizi diversificati e capaci di appagare le diverse esigenze della domanda turistica. In una passeggiata lungo il litorale per scoprire l’Eldorado della vacanza, i centri turistici organizzati ove tutto è a portata di mano: il mare, la barca, le attrezzature sportive, la banca, l’infermeria, il dancing, la discoteca. Per chi ama la tranquillità basta immettersi in un sentiero per affacciarsi su insenature di sabbia d’oro, tratti di coste basse e bizzarramente frastagliate, cale incantate immerse nel silenzio. Un’atmosfera ariosa, tersa, un clima eccellente per una vacanza a Marina di Ostuni non solo nella lunga e calda estate ma anche nelle dolci primavere e nei calmi autunni.

PILONE – Un tratto di costa vigilata dalla vicina torre San Leonardo, fortificazione del sec. XVI, una località immersa nel verde con bianche costruzioni e con ampia ed ariosa spiaggia (spiaggia grande)

ROSA MARINA – Un susseguirsi di piccole spiagge di sabbia dorata, tra loro separate da merletti di coste, ville bianche illeggiadrite da oleandri e odorose piante mediterranee, un vasto insediamento turistico disteso tra il mare e gli oliveti, gioiello architettonico e funzionale.(difficile entrarci se sprovvisti di tessera; un vero e proprio villaggio rifornito di tutto e generalmente frequentato da vip)

MONTICELLI – Un’atmosfera tranquilla e familiare, un ridente e silenzioso villaggio su un mare di cobalto. A sinistra dell’insenatura i ruderi di un villaggio murato dell’età del bronzo (con un pub su una spiaggetta aperto tutto il giorno con musica cubana o dal vivo e discoteca la notte , coktails cubani)

VILLANOVA – Una località ricca di storia, sito dell’antica Petrolla. Un basso castello del XVI sec. A scarpata, si erge sul mare. Ai piedi del fortilizio l’animato porticciolo, approdo per le barche dei pescatori e natanti da diporto. Poco distante da Villanova il vivace villaggio “Lido Fontanelle”

CUCINA

Genuina e gustosa la cucina di Ostuni, imperniata soprattutto sui prodotti dell’agricoltura locale, il pregiato olio d’oliva, le fresche verdure, i saporiti formaggi preparati artigianalmente dai numerosi caseifici della zona. Una gastronomia semplice quasi povera e pur ricca di sapori, odori, colori ed estremamente espressiva della sobrietà di un popolo che in fatto di gusti alimentari è rimasto estraneo alle lusinghe del consumismo. I farinacei occupano un posto di primo piano sulla tavola degli Ostunesi, a cominciare dal pane-cotto ancora nei forni a legna-e i suoi derivati: la “grisella” e la “puccia”, una focaccia di gran semplicità ma con tutto il sapore di una cucina senza inganni.

Le orecchiette che gli Ostunesi chiamano “stacciodde” aprono il lungo racconto della pasta fatta in casa, sono di semola di grano duro- al pari degli “strascinate”, delle “lajanedde”, dei “cavatelli”- conditi con sugo e cacioricotta o in gustosi accoppiamenti con la fresca verdura di stagione. Gusto di sana genuinità anche nei saporosi secondi piatti, le pietanze a base di carne scelgono il sistema di cottura più antico nella storia dell’alimentazione: sulla brace fumante viene cotto tenero capretto, squisite salsicce saporiti “marretti” (frattaglie di agnello rinserrate a gomitoletti).

Non mancano preparazioni più elaborate: ricchi sformati di verdura, sontuosi timballi e parmigiane. Per chi ama la cucina marinara il pescoso adriatico assicura piatti dai sapori superlativi: dagli antipasti a base di frutti di mare; alle saporite zuppe di pesce, alle orate, sogliole, dentici e scampi sopraffini.

Questo sito è stato registrato su wpml.org come sito in fase di sviluppo.